Dagli apprezzamenti online al ratto verso cornice sessuale. La storia di Sarah Widman (e i problemi di Facebook)